domenica 24 novembre 2013

E AVVENE IL MIRACOLO.





C'era una volta..

        una ragazza che incontrò l'uomo della sua vita. quello giusto con cui passare tutta la vita, quello con cui sorridere di fronte alle difficoltà, quello con cui crearsi una famiglia.
la loro famiglia. La sognavano spesso la loro famiglia, fatta di almeno tre figli, immaginavano il chiasso dentro la loro casa, le urla i gridolini dei bambini, sognavano i loro visi, gli sembrava quasi di sentirne il profumo di poter toccare la loro pelle morbida e paffuta.
 
Il primo angelo si fece attendere quasi un anno poi, un po incuriosito da quei due che tanto lo sognavano un po' per il suo peso,  un giorno d'inizio estate cadde dalla sua nuvoletta.. ed ecco il primo figlio. arrivò nel giorno della festa del papà, un piccolo fagottino tutto ciccia e baci.
il loro sogno si era avverato.. erano una famiglia.
 
passano gli anni, il piccolo crebbe , e come tutti i figli crebbe troppo in fretta. mamma e papà iniziarono a immaginare la loro famiglia, il loro sogno nel cassetto quello di una famiglia numerosa.
passano gli anni, ma la cicogna non passa più. inizia la disperazione.. ma  loro non si arrendono.
mamma è determinata a capire perché la cicogna rende altre rotte, vuole andare a fondo. finchè un giorno di dicembre , era quasi natale, arrivò la dottoressa cattiva e gli butto in faccia un "ha le tube chiuse, insomma un figlio già c'è.."
 per un poco si persero in quella frase, toccarono entrambi il fondo, quello più buio. poi decisero che la sotto nel buio non era vita... iniziarono a lottare. non si arresero a quella frase.
il loro bambino non doveva restare solo. finchè c'è vita c'è speranza gli ripeteva sempre la nonna.
mamma non si arrese bussò alle porte di alcuni dottori fin quando trovò quello che credeva in loro, che credeva che erano ancora in grado di procreare.. magari con un aiutino.
la strada non fu facile. misero piede nel girone infernale delle culle, dove sai come entri e quando entri ma non sai mai in quanto tempo si esce e soprattutto in quanti. arrivarono i tempi delle lacrime  del dolore, dei fallimenti e quant'altro. poi in un giorno di marzo finalmente due fagottini vennero posati nella pancia della mamma..
Mamma  pregò tanto perché quelle due vite rimanessero attaccate. ma dei due solo uno arrivo a vedere l'inverno. E nacque il  bimbo più incazzoso e grassottello che i due avessero mai visto.

la loro vita era finalmente completa. la casa non sarebbe più stata quella di prima. le giornate erano piene di grida di gioia e di amore. la mamma nel suo cuore portava sempre il suo piccolo angelo, che era stato con loro per poco tempo.. per lei fu il tempo necessario per innamorarsi.

poi accadde il miracolo..qualche giorno dopo il primo compleanno del loro secondo bambino mamma decise che era arrivato il momento di fare un test di gravidanza. lo fece con la solita sfiducia che aveva in quei test che, per tanti anni e per tante volte l'avevano delusa e ortificata portandosi via con un "non incinta" i sogni di una vita. si lo fece quel test, nonostante le sue tube chiuse, nonostante la sua mente dicesse "non c'è è il solito abbaglio" ..

solo lui il suo cuore.. il cuore di mamma non mentiva e continuava a ripeterle "mamma ci sono sono tornato. stavolta per sempre" e così fu..

ecco lo stick di un miracolo..
                      IL MIO MIRACOLO.





19 commenti:

  1. Risposte
    1. Anna credo che in cuor mio non ho mai smesso di sperare. Comunque ricordo come fosse oggi la nostra telefonata di qualche anno fa..ricordi? Tu fosti la prima a credere che non si erano chiuse le mie tube. Hai avuto ragione amica mia.

      Elimina
    2. Lo sai cara che è la prima cosa che ho pensato?? Ricordo esattamente ogni momento. Ricordo che ero in aeroporto e dovevo partire x Monaco e che ero lì incredula. Nn ho mai creduto alla storia delle tube chiuse, te lo dissi subito...chissà perché , con quali fondamenti lo dicevo...spero allora che il mio istinto sia davvero così giusto, sia per te che per me. ;-)

      Elimina
    3. Bello leggervi ♡♡ e Mamy, ancora mi commuovo a leggere di questa cosi' dolce sorpresa.

      Elimina
  2. Hai fatto piangere anche me! Questa mattina stavo per scriverlo ma poi non ho avuto il coraggio: il piccolino che ha fatto un passo indietro l'anno scorso è tornato! LaPiri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho pensato quando ho visto il test. .mi sono detta forse la mia bimba è tornata.

      Elimina
  3. :)))))))))
    speranza

    RispondiElimina
  4. Oddio oddio Mamy congratulazioni!!! il miracoli avvengono, oh si se avvengono. Tanti auguri!!

    RispondiElimina
  5. Io faccio fatica a crederci..siamo portati a pensare che succeda sempre lontano da noi.

    RispondiElimina
  6. CONGRATULAZIONI, GIOIA, EMOZIONE E VITA FRA LE TUE PAROLE, che bello!un bacione!

    RispondiElimina
  7. E' bellissimo. E' bellissimo. :)

    RispondiElimina
  8. I miracoli esistono....:-)auguri mammy..bellissimo post.:-)

    RispondiElimina
  9. Stupendo!!! Alla faccia della scienza!!! :-))))))))))))))

    RispondiElimina
  10. Che notizia splendida. Io sono sicura che sia lui che sta tornando da te!

    RispondiElimina
  11. leggo solo ora..che emozione!!!!

    RispondiElimina